PROGETTI IN AFRICA

PROGETTO SULL’ ALLEVAMENTO DI AULACODES NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

 

Beneficiari diretti del progetto sono i 60 allevatori di aulacodicoltura (40 uomini e 20 donne) che  formati  costituiscono il gruppo di allevatori-pilota suddivisi nelle diverse zone all’interno del Distretto di Cataractes. Successivamente altri 60 allevatori (20 donne e 40 uomini) verranno sensibilizzati e preparati per poter allevare gli aulacodes (animali grandi circa come un gatto o un coniglio , sono apprezzati per la bontà della carne ). Al termine del programma biennale, le persone coinvolte saranno quindi 120. Beneficiari indiretti del programma sono invece le famiglie e le comunità locali di appartenenza dei futuri allevatori i quali  godranno degli effetti positivi che l’avvio di questa nuova attività economica riverserà in maniera diretta sul reddito familiare e indiretta grazie all’aumento di capitale da destinare al consumo.

ALLEVAMENTO DI MAIALI E POLLI NEL BURKINA FASO

 

 

 

 

 

 

Il progetto realizzato nel 2013 prevedeva l’avvio di un allevamento di polli e maiali in cui si sono  coinvolte complessivamente 20 donne del posto: 15 di esse si sono occupate dei maiali, le altre 5 dei polli. E’ stato attuato un percorso di formazione approfondita e  completa sui processi di produzione, gestione, approccio al lavoro nell’ambito dell’allevamento, che mettendo le beneficiarie in condizione di avviare e rendere tale attività proficua e duratura. L’attività è stata allestita in un terreno di proprietà dell’Associazione, su cui si sono  edificate le stalle per i maiali (una per i riproduttori e una per gli animali in fase di ingrassamento) ed un pollaio. Nello stesso terreno, già adibito in parte ad uso agricolo, si coltivano su 3 ettari varietà adatte ad integrare l’alimentazione dei polli e dei maiali. Le coltivazioni necessitano di irrigazioni puntuali, pertanto si è provveduto alla trivellazione e alla realizzazione di un pozzo per permettere l’approvvigionamento idrico autonomo, risorsa importante anche per l’abbeveramento degli animali e l’igiene degli ambienti in cui sono tenuti. La vendita dei capi avviene nel mercato locale a prezzi accessibili alla popolazione, allo scopo di migliorare le possibilità di tutti di alimentarsi adeguatamente senza oltretutto dover coprire distanze impegnative per procurarsi il cibo.

 

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE DONNE

 

 

 

 

 

 

L’istruzione e la formazione professionale possono cambiare la vita delle donne e quella dei propri villaggi. Chi educa una donna educa un villaggio. Le donne che imparano un mestiere possono guadagnare del denaro e comprare cibo per la famiglia. Le  foto scattate dall’Uvisp-Assisi si riferiscono ad un progetto realizzato in Burkina Faso. Il progetto  realizzato nel 2014 si riferisce alla formazione professionale delle donne ( cucito ) ed all’istruzione.

 

PROGETTO DI UNA PANETTERIA NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

 

 

 

 

 

 

Il progetto realizzato nel 2013 consisteva nella costruzione di un forno e nell’avviamento al mestiere di panettiere e venditore di 10 giovani di Gombe-Matadi. La selezione è stata effettuata in base all’età (compresa tra i 18 e i 25 anni), al livello di povertà dei ragazzi, alla loro disponibilità e buona volontà non solo nel lavoro, ma anche nell’aiutare la propria famiglia e i propri coetanei e non semplicemente godersi egoisticamente i vantaggi che questa opportunità gli offre. Una volta  imparato il mestiere hanno iniziato a  vivere del frutto del loro operato inserendosi bene nel mondo del lavoro e nella società . I giovani formati sono diventati autosufficienti , capaci di formare una propria famiglia e di vivere dignitosamente.

Altro effetto benefico, direttamente conseguente alla realizzazione del progetto, è stata la possibilità di acquistare cibo sano e di qualità a prezzi accessibili, oltre che di creare nuovi posti di lavoro favorendo la crescita, lo sviluppo e il miglioramento della qualità della vita.