COMMISSIONE INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SVILUPPO

Diversi filoni vengono seguiti con l’intento di sostenere l’informazione, le attività di animazione e la raccolta fondi; un impegno dunque su più fronti.

“Mondinsieme” è la rivista che viene distribuita gratuitamente presso le parrocchie , gli uffici pubblici , Centri Caritas e Scuole. Stampata in un migliaio  di copie , esce 4 volte all’anno ed offre un profilo delle attività realizzate dall’Uvisp –Assisi; affronta temi di carattere sociale,economico ed educativo,riporta testimonianze dal mondo missionario. Le tavole rotonde costituiscono  un altro forte impegno orientato all’animazione sociale con cicli di temi di forte attualità. L’ufficio preposto organizza in media quattro serate  all’anno per sollecitare l’attenzione del pubblico a quei problemi di grande spessore culturale:ad esempio la custodia del Creato per un futuro sostenibile, il tema energetico, il problema del lavoro in nero e dell’evasione fiscale, la legalità , sono alcuni degli aspetti trattati da autorevoli esperti in materia .

Tali iniziative hanno spesso il riconoscimento ed il sostegno finanziario della Regione che conferisce valore agli incontri. Un altro impegno svolto dall’ufficio informazioni ed animazione sociale riguarda il Premio letterario internazionale “Un solo mondo”fondato nel 1994 per iniziativa dei professori Mariella Amico Mencarelli ed Enrico Cerquiglini, già volontari dell’UVISP-ASSISI, mentre imperversava  la guerra in Ruanda. Lo scopo era ed è ancora duplice:sensibilizzare il mondo della cultura alla solidarietà , allo sviluppo e alla pace tra i popoli, e contribuire, con le quote d’iscrizione al concorso, alla realizzazione di progetti nei Paesi in via di sviluppo. Gli utili di questa manifestazione serviranno a finanziare nel un progetto nel Terzo Mondo. Va precisato che un’altra fonte di sostegno  ai progetti approvati dall’UVISP-ASSISI deriva dalla partecipazione alle sagre paesane (circa otto) che si susseguono nella provincia di Perugia tra giugno e settembre. I volontari con i loro stand promuovono pesche di beneficenza  e provvedono alla diffusione di materiale informativo su quanto realizza l’associazione.

BANDO PREMIO LETTERARIO 2019


CORSO DI FORMAZIONE PER I VOLONTARI CHE OPERANO NEL TERZO SETTORE

L’Uvisp-Assisi ha organizzato questa lodevole iniziativa che ha avuto inizio il 6 novembre 2019 e terminerà nel mese di febbraio 2020. Gli incontri – che hanno luogo nella sede della stessa associazione – sono guidati dal prof. Gaetano Mollo, professore ordinario di filosofia dell’educazione e di pedagogia generale presso l’Università di Perugia. Ecco i temi trattati:

  • Competenze relazionali;
  • Competenze organizzative;
  • Comunicazione interna ed esterna;
  • Progettazione;
  • Comunità e partecipazione.

Per ogni tema sono previsti incontri, con fase teorica ed applicativa. Sono disponibili materiali di sintesi predisposti dal relatore.

Allegati:

 

Potete vedere e ascoltare le lezioni del prof. Gaetano Mollo alla pagina YOUTUBE dell’UVISP

 

LE RIFLESSIONI DI UN PARTECIPANTE AL CORSO

Ubi societas, ibi ius affermarono i Romani. In effetti, ogni organizzazione ha bisogno di un management sociale che sia il frutto di una riflessione e quindi di una realizzazione non affrettata.   Gli elementi necessari per costruire una organizzazione sono la cooperazione e la relazione. Essi devono essere sempre sottoposti  ad una continua valutazione. Una società od un qualsiasi aggregato sociale che voglia progredire nel tempo deve darsi delle precise regole. Si deve in sostanza effettuare una continua opera di cognizione della realtà. A questo proposito si deve ricordare che per capire bisogna fare: verum ipsum factum (Vico). Il saper fare è necessario per la realizzazione del progresso. È evidente che il processo evolutivo per affermarsi ha bisogno di regole che vadano a disciplinare delle idee. L’idea generale è una idea globale e ciò è non solo necessario, ma anche essenziale. La comunicazione di quest’ultime può essere verbale e non verbale. La comunicazione non verbale deve comunque trasmettere un messaggio. In linea generale la trasmissione delle idee deve essere trasparente e verticale. La divulgazione di qualsiasi tipo di concetto implica l’accoglienza e la relazione dell’altro. È necessario una accoglienza che si strutturi come una rete affinché possa realizzarsi la comunicazione e da questa il progresso. Per essere più precisi relazionare, comunicare, ascoltare permettono il progresso. La progressione di questi elementi deve  portare a prevedere. Le idee sono in noi e nello specifico dentro di noi. Aristotile scrisse per primo l’Etica Nicomachea (un libro di idee, regole, precetti morali) e poi la Politica. È evidente che questa si fonda ideologicamente sulle norme morali dell’Etica. Tornando alla rete parliamo dell’ascolto. L’ascolto può essere attivo, passivo, empatico. L’empatia comporta un processo di sintesi e poi di evidenziazione. Per esplicare questo processo occorre una parafrasi.

Roberto Ridolfi