IN AFRICA

ADOZIONI A DISTANZA: AFRICA

La scuola è senza dubbio uno strumento indispensabile per la lotta alla povertà.

Tramite l’UVISP-ASSISI si può adottare un bambino a distanza  per garantirgli un futuro di speranza e di opportunità. E’ importante assicurare a tutti i minori la possibilità di frequentare e completare almeno il ciclo dell’istruzione primaria. Ai beneficiari vengono offerti i mezzi necessari per diventare i protagonisti del loro futuro, contribuendo alla crescita dei loro paesi. E’ interessante vedere le motivazioni di alcune famiglie umbre che, nonostante la persistente crisi economica in Italia, hanno deciso di sostenere nel tempo queste nobili iniziative. Le dichiarazioni sono desunte dall’intervista fatta ad alcune  famiglie e contenuta in un video realizzato  dall’UVISP-ASSISI.

Omettiamo i nomi degli interessati, garantendo la totale fedeltà delle dichiarazioni rilasciate. “ Attraverso la fitta corrispondenza- dichiara una signora – c’è stato uno scambio culturale; ho potuto infatti conoscere il mondo in cui vive la persona adottata. Dalle lettere ricevute è affiorato il tema della guerra  e la preoccupazione per i movimenti delle truppe lungo il confine: quindi il timore della guerra e non solo della miseria. Ho adottato intenzionalmente una bambina della Repubblica Democratica del Congo a fronte di tanti maschietti scelti dalle famiglie umbre. La situazione della donna è precaria e desidero che possa crescere culturalmente  come donna, persona e cittadina”. Un gruppo di operai ha adottato ha adottato tre bambini del Centro Africa notando in loro la volontà e l’impegno per lo studio .

Ci sono persone che si chiedono se i soldi vanno a buon fine , se sono bene utilizzati ; vedendo che le lettere ricevute erano toccanti, il gruppo ha superato ogni dubbio o riserva iniziale ed è felice di dare un contributo per queste grandi cose. Infine un altro signore, sposato e senza figli, ha dichiarato  che “le lettere ricevute dai ragazzi adottati sono state un’emozione grandissima; le prime erano eccitanti , perché si scopriva il loro modo di vivere. Si è creato un rapporto stretto, con il collegamento internet ogni giorno è un’emozione nuova”.